Articoli

 



Allungamento pene



LINKS UTILI

 

Presentazione: il pene

Anatomia e funzionalitÀ del pene

L'apparato sessuale maschile è composto da:

  1. I genitali esterni e lo scroto
  2. I genitali interni testicoli, epididimi, vasi deferenti, vescichette seminali, prostata, dotti eiaculatori, ghiandole di Cowper, uretra).

1. Gli organi genitali esterni

Il pene è composto da una testa chiamata glande, e dall'asta o corpo. Alla sommità del glande è posta l'apertura esterna dell'uretra attraverso la quale fuoriescono l'urina e lo sperma. Il glande è ricoperto da uno strato di pelle ripiegata che viene chiamato prepuzio. Esso è come un cappuccio e può essere ritratto fino a scoprire la sommità del pene, salvo che nei neonati. Poco dopo la nascita, alcuni bambini vengono sottoposti ad un intervento per asportare questa pelle: tale intervento viene detto circoncisione.

Il glande è liscio e contiene molte terminazioni nervose che lo rendono assai sensibile. Tutt'intorno alla parte inferiore del glande, o testa del pene, si trova un margine chiamato corona. Nella parte del pene dove capo e corpo si incontrano, si trova un'area molto sensibile chiamata frenulo. Il corpo o asta del pene è fatto di un tessuto morbido assai simile ad una spugna. Questo tessuto spugnoso è irrorato da molti vasi sanguigni che durante l'eccitazione sessuale si riempiono di sangue e si gonfiano.

L'anello di tessuto muscolare che si trova all'interno della base dell'asta si contrae provocando un afflusso forzato di sangue all'interno di questi vasi sanguigni causando così l'indurimento e l'ingrossamento del pene. Questa transizione da un pene molle (flaccido) ad un pene più rigido viene chiamata erezione. Nel pene non ci sono né ossa né cartilagini che producono l'erezione. Dopo l'eiaculazione o in caso di cessazione degli stimoli, il pene ritorna nello stato flaccido.

2. Il frenulo

Il frenulo detto anche "filetto" è quel filo di pelle che unisce il glande (la testa del pene) all'asta del pene. È' molto simile al frenulo che abbiamo sotto la lingua.

A molti uomini il filo si stacca durante i primi rapporti sessuali ad altri invece può rimanere attaccato tutta la vita a seconda del tipo di pelle che uno possiede: rigida o elastica .

Molti uomini si chiedono se sia preferibile asportarlo o lasciarlo. In effetti vi sono molte teorie in proposito: alcuni ritengono che sia più igienico lasciare il glande scoperto, altri esattamente l'opposto, altri nientemeno pensano di regalare più piacere durante la penetrazione con il pene completamente libero. In realtà va detto che non ci sono grosse differenze se non dal punto di vista estetico. Per quel che concerne l'igiene non vi sono grossi cambiamenti infatti quando il pene è in stato di riposo il glande, la parte più sensibile e delicata, è comunque rivestito dalla pelle che lo protegge ed in ogni caso vale sempre la regola n. 1 ovvero: gli uomini devono pulire il glande tutti i giorni con o senza frenulo.

Molti giovani ci chiedono come fare per rompere il filo e/o renderlo più elastico. L'esercizio (masturbazione) è certamente il rimedio più efficace tuttavia se non riuscite ad elasticizzarlo e proprio lo volete togliere dovrete rivolgetevi ad un medico che intervenga chirurgicamente.

continua
>